Regolamento per la gestione dei rifiuti prodotti dall'Università degli Studi di Trieste

Art. 2 - Principi generali

1.   La gestione dei rifiuti costituisce attività di pubblico interesse ed è effettuata senza pericolo per la salute dell'uomo e senza usare procedimenti o metodi che potrebbero recare pregiudizio all'ambiente e, in particolare:

 

a)    senza determinare rischi per l'acqua, l'aria, il suolo, nonché per la fauna e la flora;

b)    senza causare inconvenienti da rumori o odori;

c)    senza danneggiare il paesaggio e i siti di particolare interesse, tutelati in base alla normativa vigente.

 

2.   La gestione dei rifiuti è effettuata conformemente ai principi di precauzione, di prevenzione, di sostenibilità, di proporzionalità, di responsabilizzazione e di cooperazione di tutti i soggetti coinvolti nella produzione, nella distribuzione, nell'utilizzo e nel consumo di beni da cui originano i rifiuti, nonché del principio “chi inquina paga”. A tale fine la gestione dei rifiuti è effettuata secondo criteri di efficacia, efficienza, economicità, trasparenza, fattibilità tecnica ed economica, nonché nel rispetto delle norme vigenti in materia di partecipazione e di accesso alle informazioni ambientali.

 

3.   La gestione dei rifiuti avviene nel rispetto della seguente gerarchia che stabilisce, in generale, un ordine di priorità di ciò che costituisce la migliore opzione ambientale:

a)    prevenzione;

b)    preparazione per il riutilizzo;

c)    riciclaggio;

d)    recupero di altro tipo, per esempio il recupero di energia;

e)    smaltimento.