Benvenuto su Dottorato | Dottorato

Obiettivi formativi

Il dottorato in Chimica, proposto in convenzione fra l’Università di Trieste (UniTs) e l’Università Cà Foscari Venezia (UniVe), rappresenta un percorso formativo avanzato nel campo delle Scienze Chimiche aperto a giovani laureati magistrali italiani e stranieri. Il dottorato congiunto UniTs-UniVe ha l’obiettivo di formare dottori di ricerca in chimica dotati di una solida formazione sia teorica che pratica, in grado di gestire in maniera autonoma, innovativa e altamente professionale progetti scientifici complessi, e di potersi inserire con successo sia nel tessuto industriale che in quello accademico nazionale ed internazionale.

Tematiche di ricerca

Il dottorato in Chimica congiunto UniTs-UniVe comprende tutti i settori delle discipline chimiche e anche alcuni settori dell’ingegneria chimica e della biologia. Di seguito vengono elencate in ordine alfabetico le tematiche di ricerca maggiormente sviluppate nell’ambito del dottorato, dalle più classiche alle più avanzate:

 

Biocristallografia (UniTs)

Biologia Farmaceutica (UniTS)

Chimica inorganica, bio-inorganica e metallorganica (UniTS, UniVE)

Chimica organica e bio-organica (UniTS, UniVE)

Catalisi omogenea, eterogenea e biocatalisi (UniTS, UniVE)

Chimica e catalisi supramolecolare (UniTS, UniVE)

Chimica teorica e computazionale (UniTS, UniVE)

Chimica farmaceutica (UniTS, UniVE)

Chimica analitica ed ambientale (UniTS, UniVE)

Chimica per i beni culturali (UniTS, UniVE)

Elettrochimica e sensoristica (UniVE)

Green chemistry (UniVE)

Ingegneria chimica (UniTS)

Materiali avanzati e film sottili (UniTS, UniVE)

Nanoscienze e nanotecnologie (UniTS, UniVE)

Spettroscopia molecolare (UniVE)

Tecnologie farmaceutiche  (UniTS)

 

Pagina web dell'Universita' di Trieste sul Dottorato (Bando, informazioni generali: http://www2.units.it/dottorati/)

 

Obiettivi del Dottorato in Chimica


Il Dottorato in Chimica, offerto congiuntamente dall'Università di Trieste (UniTs, sede amministrativa) e dall'Università Cò Foscari di Venezia (UniVe), ha inizio nell’anno accademico 2014/2015. L’unione delle eccellenze di due Università del nord-est consente di offrire agli studenti un ampio spettro di competenze che coprono tutti i settori della chimica, nonché alcuni settori dell’ingegneria chimica e della biologia. Le tematiche di ricerca affrontate dai docenti che afferiscono al dottorato spaziano dalla sintesi organica classica alle nanotecnologie, dalla chimica  sostenibile e verde alla chimica computazionale, solo per citarne alcune. Gli studenti interessati ad acquisire il titolo di dottore di ricerca in Chimica hanno l’opportunità di crescere in un ambiente interdisciplinare molto stimolante, ricco di collaborazioni nazionali e internazionali, partecipando a progetti di ricerca di eccellenza sotto la supervisione di scienziati di livello. Gli studenti seguiranno anche corsi (eventualmente svolti in Inglese) e seminari su argomenti di ricerca avanzati.



Organizzazione del Dottorato e informazioni pratiche



Il dottorato di ricerca ha durata triennale e si svolge in entrambe le sedi. Ogni anno il 1 novembre inizia un nuovo ciclo triennale. Nel 2020 inizierà il Ciclo 36, che si concluderà il 31 ottobre 2023. I candidati sono selezionati (generalmente in luglio) sulla base del loro CV, di un progetto di ricerca elaborato dal candidato, e di un colloquio davanti a una Commissione (eventualmente in video-conferenza per candidati residenti all’estero o lontani dalla sede di esame). I candidati devono possedere (od ottenere in tempo utile) una Laurea Magistrale o quinquennale del vecchio ordinamento. Domande provenienti dall’estero sono benvenute. In questo caso i candidati sono tenuti ad avere un titolo di studio straniero equivalente a una laurea magistrale italiana. I candidati valutati idonei (cioè che superano il voto minimo) sono ammessi al dottorato. Le borse di studio triennali (in numero variabile per ogni Ciclo), suddivise fra le due sedi (UniTS e UniVe), sono assegnate seguendo l’ordine di merito degli idonei, fino ad esaurimento. Ogni dottorando svolge la propria attività in una sola delle due sedi, presso uno dei Dipartimenti afferenti al dottorato.
Attualmente l'importo della borsa corrisponde a  € 18844 annui al lordo degli oneri previdenziali a carico del dottorando.



Collegio dei Docenti e Coordinatore



Il Dottorato è gestito da un Collegio dei Docenti Internazionale, che  ha compiti di indirizzo programmatico e sovraintende alle attività didattiche e di ricerca. Attualmente il Collegio dei Docenti e’ costituito da 23 membri, di cui 8 appartenenti a UniTS, 8 a UniVE e 7 provenienti da altrettante Università straniere. Il Coordinatore viene eletto dal Collegio dei Docenti ed ha la responsabilità didattica e scientifica del Dottorato, ne sovraintende il funzionamento e ne coordina le attività.
Tutti i componenti del Collegio sono molti attivi nella ricerca e soddisfano tutti i parametri richiesti dall’Anvur (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca) per l’accreditamento.



Supervisore



Il Collegio dei Docenti assegna a ciascun dottorando un supervisore il quale è responsabile del progetto scientifico e indirizza lo studente nella scelta del proprio programma didattico. Il supervisore mette a disposizione del dottorando il proprio laboratorio, le strutture e le strumentazioni in dotazione presso la sede, oltre a fornire supporto economico alla ricerca e alla divulgazione dei risultati della medesima.



Ricerca e formazione del dottorando



I dottorandi nel corso del triennio di formazione sono tenuti ad approfondire tematiche di frontiera relative ad aspetti delle scienze chimiche mediante la frequentazione di corsi specifici e seminari tenuti da docenti del Collegio e da esperti esterni, sia accademici che professionali, sino al completamento dell'attività prevista. I dottorandi sono ideatori ed esecutori materiali di progetti di ricerca ad elevato impatto scientifico. Tali progetti sono concordati con il – e seguiti dal – supervisore.  Spesso i progetti di ricerca dei dottorandi sono inseriti in collaborazioni nazionali e internazionali. Il dottorando è incoraggiato a trascorrere un periodo presso un'istituzione di ricerca  straniera (min 2 mesi, max. 18 mesi). Gli studenti sono inoltre incoraggiati a partecipare attivamente a congressi nazionali o internazionali a cui presentare il proprio lavoro di ricerca.



Verifiche Annuali



Ogni dottorando è tenuto annualmente a descrivere i contenuti e lo stato di avanzamento della propria ricerca sotto forma di una relazione scritta (in Italiano o Inglese) e di una comunicazione orale da tenersi - in Inglese - nel corso di un mini-simposio organizzato dal Collegio dei Docenti a cui sono invitati tutti i membri dei Dipartimenti, esperti esterni italiani e stranieri, studenti. Il Collegio valuta annualmente i risultati della ricerca sulla base della relazione, della presentazione orale, di pubblicazioni, partecipazione a scuole, workshops, congressi nazionali ed internazionali, stages nazionali ed internazionali. Analogamente, il Collegio valuta anche la formazione didattica del dottorando (corsi seguiti, seminari, ecc.). E' necessario ottenere parere positivo sia sulla ricerca che sulla didattica seguita al fine di ottenere il passaggio all'anno successivo.



Tesi di dottorato



Al termine del dottorato, ogni studente è tenuto a scrivere - preferibilmente in Inglese - una tesi riguardante i risultati scientifici ottenuti nel corso del progetto. La tesi viene prima valutata da due esperti esterni e quindi discussa di fronte ad una commissione esterna costituita da esperti nazionali o anche stranieri. Nel caso i valutatori esterni ritengano che la tesi necessiti di major revisions, l'esame finale è posticipato di 6 mesi. Per ottenere il label di 'Doctor Europeus' è necessario che il candidato abbia trascorso un periodo di ricerca all'estero non inferiore a 3 mesi consecutivi, che abbia scritto la tesi in lingua Inglese e che la discussione avvenga in presenza di una commissione che preveda un membro straniero.