Roberto Prandin

Roberto Prandin
Master in Ingegneria Clinica
Sicurezza informatica e sviluppo applicazioni Android presso MEDArchiver S.r.l
Trieste

Intervista rilasciata a luglio 2020

 

1) NOME- COGNOME

Roberto Prandin

 

2) AZIENDA ATTUALE PRESSO CUI SEI IMPEGNATO, RUOLO e SEDE

Assegnista di ricerca presso UniTS.

Giocatore professionista di pallacanestro 

 

3) FORMAZIONE PRESSO l’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI TRIESTE: CORSO DI STUDI/MASTER/DOTTORATO

Master in Ingegneria Clinica

 

4) QUALE E’ STATA LA TUA PRIMA ESPERIENZA DI LAVORO DOPO LA LAUREA? CREDI TI SIA SERVITA PER ENTRARE A FAR PARTE DELL’AZIENDA PER CUI LAVORI?

Il mio percorso è stato un po’ particolare, in quanto durante gli studi universitari ho sempre giocato a pallacanestro da professionista. Una volta ottenuta la Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell’Automazione, sono venuto a giocare a Trieste e quasi contemporaneamente ho iniziato a seguire il master in Ingegneria Clinica in UniTs. Prima della fine del suddetto Master ho fatto domanda per diventare assegnista, ho vinto il concorso e quindi oggi, pur continuando a girare l’Italia giocando a pallacanestro, riesco a dedicarmi a progetti che spero possano rappresentare il mio futuro lavorativo.

 

5) PUOI SPIEGARE QUALI SONO LE TUE MANSIONI E LE RESPONSABILITA’ CHE RICOPRI?

Attualmente mi occupo di sviluppare applicazioni mobile (Android e iOS) per il DIA (Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Trieste) e per Newronika S.p.a

 

6) C’E’ UN ERRORE CHE RITIENI DI AVER COMMESSO NELLA RICERCA DEI TUOI PRIMI IMPIEGHI E CHE TI SENTI DI CONDIVIDERE AFFINCHE’ALTRI NON LO RIPETANO?

Come ho detto prima il mio percorso è stato diverso da quello di un normale studente, in quanto già durante il periodo degli studi, un “lavoro” l’ho sempre avuto, ed è come se portassi avanti due percorsi paralleli. Attualmente sono molto contento di come stanno andando le cose e di come sto riuscendo a gestire sia la mia carriera sportiva che i primi impieghi lavorativi.

 

7) QUALI SONO LE COMPETENZE O CARATTERISTICHE CHE SECONDO TE TI HANNO PERMESSO DI RAGGIUNGERE I TUOI OBIETTIVI PROFESSIONALI?

Studiare/lavorare e al tempo spesso praticare uno sport a livello professionistico per molti sembra impossibile, ma con costanza e volontà si può fare tutto. Dico sempre che lo studio, in tutti questi anni mi è servito tantissimo per avere uno sfogo che mi permettesse di non pensare tutto il giorno alla pallacanestro, soprattutto nei momenti più duri della stagione. E al tempo stesso il basket è riuscito a farmi migliorare nella gestione dei momenti di stress riguardanti la preparazione degli esami universitari.

 

8) COSA CONSIGLIERESTI A UN NEOLAUREATO CHE DESIDERA INTRAPRENDERE LA TUA PROFESSIONE?

Il consiglio che do in generale è di prefissarsi un obiettivo e cercare di portarlo a termine, che con impegno e applicazione niente ci è precluso.