Clara Mancin

Clara Mancin
Laurea ante riforma in Traduzione
L&D Advisor alla formazione linguistica, nella Direzione Generale delle Risorse Umane presso la Commissione Europea
Bruxelles, Belgio

Intervista rilasciata a marzo 2021

 

1) NOME- COGNOME  

Clara Mancin

 

2) AZIENDA ATTUALE PRESSO CUI SEI IMPEGNATO, RUOLO E SEDE

Lavoro presso la Commissione Europea, in qualità di L&D Advisor alla formazione linguistica, nella Direzione Generale delle Risorse Umane, Bruxelles.

 

3) FORMAZIONE PRESSO L’UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRIESTE

Ho ottenuto una Laurea ante riforma  in Traduzione 

 

4) CI RACCONTI QUALCOSA DI TE?

Dopo la prima lezione di francese, alle scuole medie, avevo deciso che avrei continuato i miei studi presso il liceo linguistico e, qualche anno dopo, al liceo, avevo scelto la SSLMIT per proseguire la formazione in francese e in altre lingue straniere. Inutile dire che le lingue straniere sono sempre stata la mia passione. Tuttora, non smetto di impararne di nuove e sono lieta di lavorare in un contesto internazionale dove posso utilizzare le mie competenze linguistiche ogni giorno.

 

5) COSA TI APPASSIONA DEL TUO LAVORO?

Lavorare quotidianamente in diverse lingue è sicuramente un aspetto affascinante del mio lavoro. Tuttavia, quale europeista convinta, sono particolarmente fiera di poter aiutare i miei colleghi a imparare nuove lingue che permettano loro di comunicare con i cittadini europei e lavorare in modo efficace a progetti che coinvolgono gli stati membri.

 

6) COSA PORTI CON TE DELL’ESPERIENZA DI STUDIO ALL’UNIVERSITÀ DI TRIESTE?

L’esperienza di studio presso l’Università di Trieste mi ha lasciato ricordi bellissimi sia per quanto riguarda il percorso formativo che la vita da studente. Da un lato studiare le lingue a Trieste, una città multiculturale e multilinguistica, ha sicuramente avuto il suo fascino.  Dall’altro l’eccellente preparazione ricevuta da insegnanti madrelingua mi ha permesso di imparare rapidamente nuove lingue ma soprattutto mi ha aperto la mente sulla diversità linguistica e culturale.

 

7) QUALI SONO LE COMPETENZE O CARATTERISTICHE INDISPENSABILI PER IL TUO LAVORO?

Lavorare in ambienti internazionali richiede una certa flessibilità. Lavorare con persone provenienti da paesi e culture diverse o passare da una lingua all’altra, durante la stessa riunione, richiede buone competenze linguistiche e comunicative, certo, ma anche una buona elasticità mentale e la volontà di rimettersi in discussione continuamente.

 

8) COSA CONSIGLIERESTI A UN NEOLAUREATO CHE HA INIZIATO LA RICERCA DEL PRIMO IMPIEGO?

 Il mio consiglio a un neolaureato è quello di crearsi delle opportunità, soprattutto se queste non arrivano da sole. Sappiamo che il mercato del lavoro non è sempre di facile accesso per i giovani neolaureati. Non aspettate quindi che arrivi il lavoro perfetto ma cercate di farvi esperienze eterogenee, per capire che cosa vi appassiona di più e dove vi sentite più capaci. Molto spesso ci si fa un’idea sbagliata del lavoro ideale e questo porta a delusioni che possono scoraggiare. Quindi provate esperienze professionali diverse senza paura di sbagliare, perché anche gli insuccessi vi aiuteranno a realizzarvi.