Regolamento per la gestione del Fondo economale e delle carte di credito

Art. 6 – Utilizzo del Fondo economale

 

1.    Il Consegnatario e i Sub-consegnatari eseguono pagamenti per contanti fino al limite previsto dalla legge, attraverso il Fondo economale, nel rispetto delle procedure previste dal presente Regolamento, dal Regolamento di Ateneo per l’Amministrazione, la Finanza e la Contabilità e delle altre norme vigenti, relative alle seguenti spese per l’acquisto di beni o servizi di non rilevante entità (spese minute), necessari per sopperire alle esigenze immediate e funzionali dell’Ateneo, oltre alle spese per le quali risulti ammessa la sola regolazione per contanti:

a)      spese minute d’ufficio;

b)      spese minute per l’acquisto di beni e servizi per piccole riparazioni e manutenzione di mobili, macchine e attrezzature e di locali;

c)       spese minute di trasporto;

d)      spese minute per il funzionamento degli automezzi;

e)      spese minute per l’acquisto di libri e pubblicazioni, audiovisivi, stampa quotidiana e periodica e simili;

f)       spese minute per servizi agli studenti;

g)      spese minute per cerimonie, mostre, convegni, manifestazioni istituzionali e per il funzionamento degli Organi Istituzionali;

h)      spese minute per prodotti alimentari a fini di didattica e ricerca;

i)        spese minute per medicinali e farmaci per animali;

j)        altre spese minute e indifferibili a pena di danni;

k)      spese postali e telegrafiche;

l)        spese per l’acquisto di carte e valori bollati, di generi di monopolio di Stato o comunque generi soggetti al regime dei prezzi amministrati;

m)    spese contrattuali, di registrazione e visure catastali;

n)      imposte, tasse, canoni e diritti erariali;

o)      tasse per verifiche impianti, ascensori, concessioni edilizie, nullaosta VV.FF. e simili;

p)      inserzione su quotidiani e periodici di avvisi di gara e altre pubblicazioni richieste dalla legge, nonché altri avvisi agli utenti di servizi ed al pubblico in genere;

q)      spese per la stampa e la diffusione di pubblicazioni, circolari, atti e documenti;

r)       spese per il trasporto di materiali, nonché per pagamenti in contrassegno tramite corriere per beni e servizi preventivamente autorizzati dai Responsabili di spesa;

s)       spese per lo sdoganamento merci.

2.    Tale elenco è tassativo.